Van Dyck . Pittore di corte.

Sale Palatine della Galleria Sabauda

Renato Guttuso alla GAM Guttuso Arte rivoluzionaria nel cinquantenario del 68 Visita guidata alla GAM Galleria d'Arte Moderna di Torino Guida Turistica a Torino

Renato Guttuso alla GAM Guttuso Revolutionary Art for the cinquantenario of 68 Guided Tour to the GAM Galleria d'Arte Moderna di Torino Modern Art Museum of Turin Tourist Guide in Turin

Dal 16 novembre al 17 marzo 2019

van Dyck

il migliore e più dotato allievo di Pieter Paul Rubens, artefice della svolta del ritratto seicentesco, Antoon van Dyck (*) nacque da una ricca famiglia olandese che gli permise di sviluppare con indipendenza il suo precoce genio. 

Insieme al suo maestro Pieter Paul Rubens, è il più noto pittore fiammingo del seicento, ed operò fra l’Italia e l’Inghilterra nelle maggiori corti reali, rivoluzionando il ritratto ma creando anche grandi opere devozionali e pale d’altare, grandi tele di soggetto mitologico sul modello delle ‘favole’ di Tiziano, suo costante punto di riferimento per il colorismo. Il suo primo biografo, l’italiano Giovan Pietro Bellori, a solo 30 anni dalla morte ne traccia un profilo di pittore di gran talento sin da giovanissimo, nella bottega di Rubens, con cui compete per capacità, e che spesso sostituisce quando il maestro è lontano per altri lavori.

Per la particolare capacità di interpretazione delle caratteristiche fisiche ma anche psicologiche del soggetto, innovatore nel ritratto che con lui diventa a figura intera, viene conteso da tutti i ricchi mercanti e nobili di Genova, dai cardinali e ricchi prelati di Roma, dai nobili ed ecclesiastici francesi, per poi trasferirsi alla corte inglese di Carlo I che lo nomina baronetto e gli garantisce una cospicua rendita mensile.

Dopo l’esposizione a Genova nel 1997 ed a Milano nel 2004, questa mostra ne ripercorre la vita nelle maggiori corti di Genova, Torino, Firenze, Roma, Palermo, Parigi, oltre che in patria a Bruxelles e Anversa, e infine Londra, dove diviene pittore ufficiale di corte di Carlo I e dove muore nel dicembre 1641 a soli 42 anni.

(*) si pronuncia Dàyk

Durata visita guidata: 2 ore.

Prenota inviando una mail

info@torinovisita.it

o chiamando il 3661724181

 

.